Lecce

Scuola di Placetelling™


location icon Monastero degli Olivetani - Aula Gradonata


time icon

17:00

arrow icon

22:00


Il Placetelling™ è un metodo creativo per le narrazioni dei luoghi, una risorsa strategica per pensare e orientare i processi di comunicazione del patrimonio culturale e di promozione turistica. Il racconto di un luogo è una pratica ermeneutica che agisce sulla percezione individuale e collettiva di quel luogo e per questo si configura come un potente strumento per la costruzione dei significati correlati: da un lato, infatti, le narrazioni aiutano a sviluppare il senso di identità e di appartenenza di una comunità al proprio territorio poiché attinge da memorie e sentimenti condivisi e ne genera di nuovi; dall’altro può innescare attrattiva sia per il turismo che per i flussi finanziari, favorendo, così, lo sviluppo locale.
Il Placetelling™, declinazione specifica dello storytelling (narrazione come azione sociale), è il punto di convergenza di differenti campi di ricerca (geografia dei media, film studies, marketing territoriale, semiotica, narratologia, etnografia, solo per citarne alcuni) e trova nel racconto audiovisivo (dal lungometraggio di finzione al documentario, dallo spot pubblicitario ai videogiochi) una delle sue manifestazioni più diffuse ed efficaci. Parlare oggi di cinema e luoghi significa anche fare riferimento a nuovi campi di ricerca come il film induced tourismo e il cineturismo e in generale ai production studies.
La III edizione della Scuola di Placetelling™, presentata nell’ambito della Notte dei ricercatori 2019, indagherà proprio il rapporto di reciprocità che da sempre lega la narrazione audiovisiva ai luoghi, con particolare riferimento al cinema, attraverso l’esplorazione della significativa questione “Cosa possono fare i luoghi per il cinema?/ Cosa può fare il cinema per i luoghi?”
Contestualmente, alle ore 19:30, si terrà la presentazione del libro “Immaginari migratori” di Angelo Turco, geografo, presidente della Fondazione Universitaria Iulm.

English version

School of Placetelling

Placetelling ™ is a creative method for narrating places, a strategic resource for thinking and guiding the communication processes of cultural heritage and tourism promotion. The story of a place is a hermeneutical practice that acts on the individual and collective perception of that place and for this it is configured as a powerful tool for the construction of related meanings: on the one hand, in fact, the narratives help to develop the sense of identity and of belonging of a community to its own territory since it draws from memories and shared feelings and generates new ones; on the other hand it can trigger attractiveness both for tourism and for financial flows, thus favoring local development.
The Placetelling™, a specific variation of storytelling (narration as social action), is the point of convergence of different research fields (media geography, film studies, territorial marketing, semiotics, narratology, ethnography, just to name a few) and finds in the an audiovisual story (from fiction feature film to documentary, from the advertising spot to video games) one of its most widespread and effective manifestations. Talking about cinema and places today also means referring to new fields of research such as film induced tourism and film tourism and in general to production studies.
School of Placetelling™ (3rd edition), presented as part of Notte dei ricercatori 2019, will investigate the reciprocal relationship that has always linked the audiovisual narrative to places, with particular reference to cinema, through the exploration of the significant question “What can places make for cinema?/ What can cinema do for places? ”
At the same time, at 7.30 pm, there will be a presentation of the book “Immaginari migratori” by Angelo Turco, geographer, president of the Iulm University Foundation.