Lecce

Spugne spazzine per l’assorbimento di inquinanti dalle acque


location icon Monastero degli Olivetani


time icon

18:00

arrow icon

23:59


Con il crescente aumento sia della popolazione che dell’industrializzazione, la carenza di acque pulite ed utilizzabili per le necessità primarie della gente sta diventando un problema diffuso in tutto il mondo. E’ stato stimato che nel 2030 il 40% della popolazione mondiale si troverà ad affrontare una grave emergenza idrica. Come conseguenza diviene necessario lo sviluppo di nuove ed efficienti tecnologie per la decontaminazione delle acque. Per questo motivo stiamo sviluppando dei materiali simili a delle spugne capaci di assorbire alcuni degli inquinanti più pericolosi (petrolio, metalli pesanti, composti fenolici) da matrici acquose. Presso l’area dedicata sarà possibile toccare con mano questi materiali, vederne il loro funzionamento e scoprire come la natura e la nanotecnologia possono essere utilizzate per tali scopi.

English version

Scavenger sponges for the adsorptions of pollutants from waterb

With the growth of population and industrialization, the lack of clean and drinkable water is becoming a widespread problem all over the world. It has been estimated that in 2030, 40% of the world population will face a serious water emergency. As a consequence it becomes necessary to develop new and efficient technologies for water decontamination. For this reason we are developing materials similar to sponges capable of adsorbing some of the most dangerous pollutants (oil, heavy metals, phenolic compounds) from aqueous matrices. At the dedicated area it will be possible to touch these materials, see how they work and discover how nature and nanotechnology can be used for these purposes.